Atlas Pro 600 TTL Recensione

Atlas Pro 600 TTL Recensione

Categoria:

Argomento:

Tags:

atlas 600 , strobist , recensione

Ci sono molte discussioni in vari angoli dell selvaggio web al momento, riguardanti il ​​lancio del Quadralite Atlas 600 Pro TTL e delle sue varianti Godox AD600 Pro.

 

Questa è la tanto attesa versione "Pro" del ben acclamato AD600, che è in circolazione ormai da due anni e che posseggo con molto piacere,  non vedevo l'ora di dare un'occhiata

 da vicino poiché i primi rumors sono già in giro da un po'.

Sono grato ad Antonio Mastrorocco di MastroMediaPix per avermi inviato prontamente questa lampada da recensire e che penso proprio terrò per un lavoro che nel frattempo mi è entrato, per il quale la vedo molto adatta.

Ci sono un certo numero di funzionalità chiave che attirano la mia attenzione, come il tempo di ricarica di 0.9 secondi a piena potenza, il nuovo design e la cupola della lampadina, il posizionamento migliore della lampadina, l'indicazione della durata del flash, la consistenza del colore e altro.

Ti ricordo che sul sito www.icorsidelmaui.it puoi trovare la VideorRecensione di questo prodotto, iscriviti gratuitamente per vedere la versione integrale.

Quadralite Atlas 600 Pro

Mi è sempre piaciuta la versione originale, anche se ho trovato il meccanismo di blocco un po 'goffo a causa del vecchio sistema a cricchetto. Questo è stato sostituito con un sistema a cricchetto nuovo, che non liscio come la seta per fortuna e con serrature solide. Il look ed il feeling generale è chiaro e deciso, ricorda in qualche modo le ultime luci di Bowens.

Quadralite Atlas 600 Pro

E' incredibilmente solido e la cupola frontale è impressionantemente solidale al resto quando montata. È anche un protettore del tubo quando il cappuccio protettivo è montato sul riflettore.Ho trovato fosse un bel tocco, dato che non avrei più dovutoutilizzare uno dei normali cap ed anche per stivarlo viene decisamente più comodo. Meno spazio e peso sono sempre buoni. 

Parlando del bulbo, con la cupola in posizione, sembra piuttosto un bazooka! Ma guardandolo attentamente, la zigrinatura viene applicata sulla faccia frontale piatta della cupola, che aiuta decisamente la dispersione della luce dalle bobine del tubo rispetto all'originale, questo miglioramento mi piace molto e lo mostro chiaramente nella video-recensione. 

La cupola sembra riempire il riflettore standard e il tuo occhio è presto attratto dal cerchio giallo piuttosto grande dietro il tubo del flash. Una luce di modellamento a LED da 38w, wow, finalmente un pò di potenza! Come model light, è dannatamente brillante! È molto più luminoso di molte delle mie teste da studio standard, quindi ha un'applicazione del mondo reale, al contrario di un certo numero di luci di modeling trovate in altre teste. Può essere impostato su un livello preimpostato o variare in base alla potenza della testina.

Quadralite Atlas 600 Pro

 

 

L'unica cosa che ho trovato un po 'imbarazzante, era il fatto che non c'era manico, quindi tendeva a essere un affare da prendere a due mani durante le fasi di setup. Da allora sono stato informato che ci sarà una maniglia opzionale disponibile, che si fissa al di sotto, e ho visto i fori delle viti menzionati che sarebbero stati utilizzati. 

Ora, come fotografo, ho avuto la tendenza a stare lontano dalle luci IGBT per il lavoro più sensibile al colore, fondamentalmente perché si spostano verso il blu quando vengono abbassate. Alcune teste sono peggiori di altre e se si mescolano le testine IGBT con le teste a voltaggio controllato, è possibile vedere la differenza di colore.

Quindi, la modalità di accuratezza dei colori sbandierata è stata qualcosa che ha suscitato il mio interesse, per non dire altro. Nella foto qui sotto vedi la funzione e nella Video-Recensione ti faccio vedere come attivarla.

Quadralite Atlas 600 Pro

Secondo le specifiche, nella modalità standard, la temperatura del colore dovrebbe variare solo di  200K dal 5600K dichiarato. Sì, sorrido in realtà quando leggo questo, perché ogni produttore tende a dichiarare la stessa cosa, poi come va va. Comunque, tornerò su quello più tardi.

Avevo a portata di mano un misuratore di colori Sekonic Spectromaster C-700. Questo ci serve per fare delle prove empiriche come si deve. Abbiamo usato sia il riflettore standard, sia uno dei softbox dello studio per controllare l'uscita, tenendo presente che una seta invecchiata su un softbox può riscaldare la luce.

Con il riflettore standard montato, e la potenza impostata fino all'uscita più bassa possibile, che è 1/256 e in modalità standard, il misuratore di colore ci ha dato una lettura di 5759K, che è sicuramente entro i dati promessi di 200K dei 5600K dichiarati . Tenendo presente ciò che ho detto prima, devo ammettere che sono rimasto molto impressionato anche dalla modalità colore standard.

5759K Distribuzione spettrale

Passando alla modalità di coerenza del colore e riprovando, il contatore ci ha dato una lettura di 5587K.

5587K Distribuzione spettrale

Dannazione! Solo 13K di offset stiamo dicendo: decisamente impressionante.

E l'utilizzo del softbox ci ha dato 6076K in modalità di coerenza colore e 6134K in modalità standard, quindi il mio softbox era di circa 500K. Non sono così sorpreso, ma non era un box particolarmente economico...

Ma cosa significa in realtà?

Quadralite Atlas 600 Pro test in modalità di coerenza dei coloriQuadralite Atlas 600 Pro test in modalità standard

La prima immagine [a sinistra/o/in alto] utilizza la modalità di coerenza del colore, mentre la seconda immagine [a destra] utilizza la modalità standard. C'è uno spostamento blu molto sottile sul cuscino a sinistra. Ci sono due teste a controllo di tensione in uso, un telaio a destra e anche il telaio superiore. Devo alzare la mano e sottolineare che si tratta di uno spostamento al blu molto piccolo rispetto a un numero di altri testine basate su IGBT che ho usato, e sono molto impressionato dalla coerenza del colore anche in modalità standard. Mi chiedo se l'utilizzo della modalità di coerenza dei colori abbia fatto la differenza nel tempo di riciclo. No. E 'ancora inchiodato intorno a 0,9 secondi al completo!

Quindi, per quanto riguarda la precisione dell'output quando si cambiano i livelli di potenza in uscita?

Usando il riflettore standard e un esposimetro Polaris Karat (Sì, avevamo anche questo per i test), tenuto a trenta centimetri dalla parte anteriore del riflettore, registrando i seguenti risultati a Iso-200:

Ecco qui i risultati, il primo valore a sinistra è il livello di potenza, la seconda la lettura a 30"
1f / 641/2f / 45.21/4f / 32.31/8f / 22.31/16f / 16.31/32f / 11.31/64f / 8.21/128f / 5.61/256f / 4.2

Molto coerente, e il leggero cambiamento nel punto decimale è più probabile dato dallo spostamento sottile del misuratore durante il test. Un bel colpo!

Ho iniziato a chiedermi se la modalità HSS sarebbe un problema con la temperatura del colore, perché quando HSS è selezionato, disattiva automaticamente la modalità di coerenza del colore. A piena potenza con il riflettore standard e in HSS, abbiamo registrato 5627K, e all'uscita 1/256, abbiamo registrato 5696K. Personalmente, l'ho trovato molto impressionante.

L'ultima cosa da fare era fondamentalmente spingere qualcuno davanti alla luce e vedere che tipo di lavoro fa con i toni della pelle. Fotografiiamo M. Wozniak direttamente da Quadralite, modello riluttante.

Marcin Wozniak di Quadralite

Atlas 600 Pro a sinistra con softbox 100 × 100 a 1/32 in uscita e cornice del riflettore a destra. 
1/125 sec ISO200 12-40mm f / 2.8 @ f / 6.3

In conclusione, ho scoperto una luce che produce esattamente quanto promesso, ha superato una quantità incredibile di inghippi che alcune lampade vecchie prometterva il vecchio ed il tutto comprovato con grande consistenza. Anche in HSS c'è la precisione. Adoro l'estetica, il tempo di ricarica, la durata del lampo, la luce pilota di modellazione LED, il sistema di menu e molto più di quanto possa effettivamente ricordare.

Svantaggio?

*Sospiro*

Sì.

Solo uno.

Penso che sostituirò le mie otto teste in studio. Bene, una volta ho convinto il mio portafoglio.


 

Adapted from Original Source Lightingrumors ©

Atlas Pro 600 TTL Recensione
Atlas Pro 600 TTL Recensione
Atlas Pro 600 TTL Recensione
Atlas Pro 600 TTL Recensione

Tags:

atlas 600 , strobist , recensione